Archivio per la categoria ‘Curiosità’


Chi l’ha detto che una storia deve necessariamente iniziare dal principio? Magari la vostra idea si è proprio concentrata sul finale ed è da lì che può partire un viaggio curioso e coinvolgente verso il cosa succede prima.

Per capircisi ecco alcuni esercizi visuali di scrittura all’incontrario da restare a bocca aperta, perché una storia in fondo ha anche un inizio oltre che una splendida fine 😉

viaScrittura all’incontrario – Appunti di scrittura creativa.


E’ BANDITO dalle diete e odiato dai dentisti. Per fare pace con la bilancia è meglio non consumarne troppo, ma ora dagli Stati Uniti parte una vera e propria ‘crociata’ contro lo zucchero. Secondo una ricerca della University of California 1, pubblicata sulla rivista Nature 2, rende dipendenti, come il tabacco e l’alcol e per questo motivo la sua vendita dovrebbe essere regolata per legge.

No alla vendita vicino alle scuole. Gli esperti statunitensi propongono di introdurre regole severe come, ad esempio, tassare tutti i cibi e le bevande che includono zucchero aggiunto, vietandone la vendita vicino alle scuole e ponendo dei limiti di età alla possibilità di acquistarli. Un problema quello dell’alimentazione molto sentito negli Stati Uniti, dove oltre i due terzi della popolazione è in sovrappeso, e fra questi ultimi oltre la metà è obeso.

“Non è una sostanza tossica”. La provocazione dei ricercatori si è spinta oltre. Il consumo eccessivo di zucchero, spiegano, sta alimentando la pandemia di obesità in tutto il mondo e il suo consumo, triplicato negli ultimi cinquant’anni, favorisce la comparsa di patologie, come diabete, malattie cardiovascolari e tumori, responsabili di 35 milioni di morti all’anno nel mondo.  “E’ assurdo considerare lo zucchero una droga al pari di alcol e tabacco – spiega Andrea Ghiselli dirigente di ricerca dell’Inran – . L’uso continuo e quotidiano di bevande alcoliche può portare all’aumento di malattie, come ad esempio determinati tipi di cancro. Gli effetti nocivi del fumo sono ampiamente documentati. E’ vero che lo zucchero può dare una sorta di dipendenza, è un fatto abbastanza noto, ma non si può mettere sullo stesso piano delle sostanze tossiche, nocive per l’organismo”.

Chili di troppo. Mary Poppins cantava “con un poco di zucchero la pillola va giù” e questo alimento può essere prezioso per l’organismo. Ma non va dimenticato che una quantità eccessiva di alimenti zuccherati fa ingrassare. Negli Usa oltre i due terzi della popolazione è in sovrappeso, e fra questi ultimi oltre la metà è obeso. Per tutelare la salute, numerosi paesi hanno deciso di tassare i cibi spazzatura. Danimarca e Ungheria lo hanno fatto per i grassi saturi, la Francia per i soft drinks. Ora il professor Robert Lustig, a capo del gruppo di ricerca della University of California, è convinto che i governi dovrebbero anche proibire l’acquisto di caramelle, merendine ricche di zuccheri ai bambini al di sotto di una certa età.

Quantità limitate. Ma per molti esperti lo zucchero non va criminalizzato e dosi limitate sono necessarie. “E’ un alimento indispensabile, ma per una corretta alimentazione è sufficiente il glucosio che troviamo, ad esempio, nella frutta, nel latte e nel pane. Se ne può mangiare anche di più, ma dipende da quante calorie consumiamo. E’ importante non esagerare. Due cucchiaini di zucchero al giorno rappresentano 40 calorie che possono diventare tante per una persona che fa una vita molto sedentaria”.

via“Lo zucchero fa male come l’alcol” Dagli Usa la proposta di tassarlo – Repubblica.it.


La folla è il suo regno, come l’aria è il regno dell’uccello, e l’acqua l’elemento del pesce. Sposarsi alla folla è la sua passione e la sua professione. Per il     perfetto perdigiorno, per l’osservatore appassionato, è una gioia senza limiti prendere dimora nel numero, nell’ondeggiare, nel movimento, nel fuggitivo e       nell’infinito. Essere fuori di casa, e ciò nondimeno sentirsi ovunque nel proprio domicilio; vedere il mondo, esserne al centro e restargli nascosto, sono questi alcuni dei piaceri più comuni di tali spiriti indipendenti, appassionati e imparziali, per i quali la lingua ha solo formule impacciate. L’osservatore è un principe che gode ovunque dell’incognito. […] Lo si può magari paragonare a uno specchio immenso quanto la folla; a un caleidoscopio provvisto di coscienza, che, ad ogni suo movimento, raffigura la vita molteplice e la grazia mutevole di tutti gli elementi della vita. E’ un io insaziabile del non-io, il quale, ad ogni istante, lo     rende e lo esprime in immagini più vive della vita stessa, sempre instabile e fuggitiva.

Charles Baudelaire


Per chi non lo sapesse, domani è capodanno!

Ebbene si, credevate che per festeggiamenti e ubriacature varie dovevate attendere ancora 11 mesi, vi sbagliavate!

Domani 23 Gennaio 2012 si darà inizio ai festeggiamenti per accogliere il nuovo anno cinese.

Ci lasceremo alle spalle il quieto e riservato “Coniglio” per dare il benvenuto all’onnipotente e maestoso “Dragone”.

L’anno cinese differisce completamente da quello classico gregoriano : il calendario è unisolare e i mesi iniziano in concomitanza con ogni novilunio, di conseguenza la data d’inizio del primo mese, e quindi del capodanno,  può variare di circa 29 giorni venendo così a coincidere con la seconda luna nuova dopo il solstizio d’inverno, evento che può avvenire fra il 21 gennaio e il 19 febbraio del calendario gregoriano.

Domani dunque tutti in piazza per dare il via ai fatidici quindici giorni di festeggiamenti che si andranno a concludere con la festa delle lanterne. I cinesi ci superano anche nella qualità e durata delle celebrazioni, il nostro unico giorno di festa o per meglio dire la nostra notte brava di baldoria e idiozie si contrappone alle loro quindici giornate di danze e banchetti.  Il quindicesimo giorno il tutto si conclude con la festa delle lanterne dove tutti escono per le strade con candele e lanterne colorate accese per guidare gli spiriti beneauguranti nelle proprie abitazioni.

Dunque, siete pronti ad accogliere il maestoso dragone?

Questo simbolo mitologico porta con sé onnipotenza, grandezza, potere e sfarzosità (non dimentichiamoci che è il simbolo stesso dell’imperatore cinese) e quindi quest’anno è carico, per i Cinesi, di forti speranze e grandi ambizioni. Prepariamoci allora a una più incisiva crescita della Cina che in barba alla crisi mondiale, continua ad aumentare copiosamente la propria ricchezza fortificando ogni giorno di più la sua economia.

Altro che Maya e fine del mondo, per le genti orientali, quest’anno sarà la prova che la terra sta cambiando e che magari non ruoterà più intorno al mito americano e sarà il dragone nascente che suggellerà  ancora di più l’avanzare prepotente della potenza Cinese.

Bye Bye dunque caro “Coniglio”, la tua riservatezza e pacatezza ci ha regalato un anno di silenzio e riflessione ora il “Drago” è pronto per nascere e l’onnipotenza di esso farà tremare la terra tutta.

Buon Anno del Dragone a tutti…

Dario


Nuova campagna pubblicitaria mondiale shock di United Colors of Benetton, con cui si invitano i leader e gli abitanti del mondo a combattere la “cultura dell’odio” e si annuncia la costituzione della Fondazione UNHATE. E’ gia’ polemica sui manifesti tra cui quello del bacio sulla bocca tra il Papa e l’Imam del Cairo, comparso in mattinata a Roma a pochi passi dal Vaticano.

“Sia immediatamente ritirata la pubblicita’ di Benetton con il Papa”, afferma Luca Borgomeo, presidente dell’ associazione di telespettatori cattolici Aiart, che aggiunge: “E’ un’ offesa al cattolicesimo, ma anche un’offesa a tutti quei pubblicitari che ricercano messaggi innovativi”. Replica Alessandro Benetton, vicepresidente esecutivo di Benetton Group, che ha illustrato il lancio della campagna a Parigi: “Se l’amore globale rimane una sia pur condivisibile utopia, l’invito a ‘non odiare’, a combattere la ‘cultura dell’odio’, rappresenta un obiettivo ambizioso ma realistico. Con questa campagna abbiamo deciso di dare visibilita’ mondiale a un’idea alta di tolleranza, per invitare i cittadini di tutti i Paesi, in un momento storico di grandi turbamenti e non meno grandi speranze, a riflettere su come l’odio nasca soprattutto dalla ‘paura dell’altro’ e di cio’ che non si conosce”. Il progetto di comunicazione UNHATE, comprende una serie coordinata di iniziative ed eventi, che iniziano dal 16 novembre sulle principali testate quotidiane, periodiche e web del mondo.

Tema centrale e’ il bacio, il piu’ riconosciuto simbolo dell’amore, tra leader politici e religiosi mondiali ad esempio: Barack Obama e il leader cinese Hu Jintao; papa Benedetto XVI e Ahmed Mohamed el-Tayeb, Imam della moschea di Al-Azhar al Cairo (il piu’ importante e moderato centro di studi islamico sunnita al mondo); il presidente palestinese Mahmoud Abbas e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Per la Benetton ”si tratta di immagini simboliche di riconciliazione – con un tocco di speranza ironica e costruttiva provocazione – per sollecitare una riflessione su come la politica, la fede, le idee, anche se diverse e contrapposte, debbano comunque portare al dialogo e alla mediazione”.