Lo scrittore nel tempo

Pubblicato: 31 marzo 2012 da Dario Stissi in Pagine d'inchiostro, Poesie
Tag:, ,

Tiranno mi rubi le parole.

Solo lasci il mio spirito ardere stanco

dinnanzi al tuo scandir nettamente l’etere intorno.

Brucia o mia volontà,

ardi il desiderio di vincer costui.

Sola, cupa e afflitta dall’eterno prodigio,

la mano cede  al nudo foglio

speranze e passioni di un incontrastato sfogo.

Tu,

 rinneghi la luce e incalzi i nostri sogni

con il tenebroso ritorno della notte.

Che sfigurato sia eternamente,

colui che di te fece

nostro incubo e invincibile tormento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...